P012 – Natale: tradizione o occasione di consapevolezza? (M.Bottino)

0,00 (IVA incl.)

DESTINATARI: Aperto a coloro che vogliono utilizzare tutto ciò che la Vita pone loro dinanzi come occasione di crescita e cambiamento: fatti, notizie, rapporti, accadimenti ed anche le cose scontate… come il Natale.

Tutti parlano delle cose del Natale, ma pochi parlano del Natale.

Forse la causa è da ricercarsi nel fatto che si ha una conoscenza molto sommaria di qualcosa in cui sono presenti contenuti ed azioni potenti a livello storico, antropologico, di costume, economico ed altro ancora. Basti pensare che ogni volta che scriviamo una data… contiamo il tempo passato da quel Primo Natale!

Costo: gratuito

Conduce: dr. Maurizio Bottino

-
+

Specifiche

Categorie: ,

Descrizione

O è Natale tutti i giorni o non è Natale mai… (Jovanotti e Luca Carboni)

Tutti parlano delle cose del Natale, ma pochi parlano del Natale.

Forse la causa è da ricercarsi nel fatto che si ha una conoscenza molto sommaria di qualcosa in cui sono presenti contenuti ed azioni potenti a livello storico, antropologico, di costume, economico ed altro ancora. Basti pensare che ogni volta che scriviamo una data… contiamo il tempo passato da quel Primo Natale!

Se il Natale assume per i cristiani il valore della Buona Notizia, per i non credenti, gli agnostici o per chi crede in altro, esso riveste il fascino dell’inizio di qualcosa di nuovo e di bello.

È forse per questo che molti, anche fra coloro che non credono in maniera canonica, “lo sentono dentro”.

Il Natale, infatti, interroga le coscienze, pone le domande che scaturiscono dagli eventi di novità, rappresenta l’inizio di qualcosa di bello che prima non c’era e ora è lì come un bambino appena nato, piccolo ed indifeso, ma portatore di una forza che rende possibili scelte di cambiamento.

È la logica capovolta del Natale: le cose piccole e apparentemente deboli, se applicate, sono quelle che ci aprono ad un futuro desiderato. Ed è per questo che il Natale merita un’attenzione che va oltre gli addobbi ed i regali.

L’opportunità di interrogarsi in occasione di un avvenimento che sembra accadere un giorno l’anno ci permette di pensare che è possibile porsi domande ogni giorno di ogni anno. Ed ogni giorno di ogni anno è possibile iniziare una vita vissuta diversamente.

Una parte del seminario sarà dedicata alle figure del presepe ed é interessante per coloro che hanno la tradizione di comporlo, magari insieme ai piccoli di casa. Può essere un’occasione per dare significati profondi a personaggi che ci sono stati consegnati in maniera banale e ai quali attribuiamo caratteristiche e senso ben diverso da quello reale. Questi significati non sono lontani da noi, ma rappresentano molte delle modalità con cui ci poniamo di fronte alla Vita.

Una parte punterà invece a verificare se gli scontati buoni propositi natalizi possono diventare il nucleo di un progetto di cambiamento che sappia restituire alla Vita la dimensione natalizia della novità e della nascita di realtà nuove.

DESTINATARI: Aperto a coloro che vogliono utilizzare tutto ciò che la Vita pone loro dinanzi come occasione di crescita e cambiamento: fatti, notizie, rapporti, accadimenti ed anche le cose scontate… come il Natale.

 
Programma:
– Breve storia del Natale
– I significati specifici ed universali del Natale
– Oggetti e personaggi del presepe:
. La stella cometa: proposta di un cammino di ricerca.
. Il bue e l’asinello: insospettabili personaggi fondamentali.
. La locanda: luogo di accoglienza.
. La greppia: luogo di contenuti profetici.
. I pastori: tutto fuorché brava gente!
. La zingara: la scaltrezza di chi cerca la verità.
, La Meraviglia: il bambino che dovremmo essere.
. Il pescatore: alla ricerca dei doni nascosti.
, Il dormiente: l’incapacità di cogliere il momento.
, La lavandaia: testimone di un assurdo.
. La levatrice: l’aiuto all’affermazione della Vita.
. Oro, incenso e mirra: dono per re, dei e defunti.
– Propositi usuali e propositi progettuali.

Costo: gratuito

Conduce: dr. Maurizio Bottino

 

Ti potrebbe interessare…